Israele: l’Italia richiami l’ambasciatore

Indipendenza sottoscrive convintamente l’appello al richiamo dell’ambasciatore d’Italia in Israele a seguito della qualificazione, da parte del governo di quel Paese, delle organizzazioni palestinesi per i diritti umani alla stregua di entità terroristiche.

Si rende necessario isolare sul piano internazionale il governo israeliano a fronte di una inedita stretta sui diritti del popolo palestinese, stavolta attaccato tramite le organizzazioni che si battono per i suoi più basilari diritti.

Contro UE, NATO e governo Draghi, un siparietto con i ‘tutori dell’ordine’

Israele, un voto per la guerra?

L’Iran nel mirino. Perché

Salvini e il nuovo corso atlantico trumpiano

Palestina: scontri a Gerusalemme, in ricordo di Fadi Abu Salah e dei patrioti palestinesi

No al Giro d’Italia in Israele

Gli “Untermenschen” di Palestina

Palestina dimenticata

Roma/19 ottobre: Gaza e l’industria israeliana della violenza


ass.indipendenza.info@gmail.com *** info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

‘Pizzini’ europei ai sudditi

“Quando prepareranno i bilanci 2023 i Paesi dovranno tenere conto che la clausola” (di sospensione del patto di stabilità) “verrà disattivata”. Così Valdis Dombrovskis (Commissione Europea) dichiarava a margine dell’Ecofin informale in Slovenia. Come tutti sapevano, e con la pandemia tutt’altro che alle spalle, il bilancio previsionale del 2023 dovrà tenere conto dei vincoli europei alla finanza pubblica.

Messaggio recepito da Draghi e da un parlamento che, ribadendo di fatto lo svuotamento del proprio ruolo, ha approvato la risoluzione di maggioranza sulla nota di accompagnamento al DEF (Documento di Economia e Finanza) e il rispetto delle compatibilità con gli obiettivi di finanza pubblica indicati nella Nadef (Nota di aggiornamento al DEF) 2021.

Al di là del fatto che non vi sia alcun consenso politico sul ‘come’ modificarle (non ci sono neanche i tempi per farlo) è assolutamente realistico che le regole del rigore contabile vengano riproposte tali e quali in un quadro di finanza pubblica disastrato dagli esborsi connessi alla pandemia, dunque con prospettive ancor peggiori per i mostruosi avanzi primari necessari per rendervi ossequio (=drenaggio di risorse dal settore privato attraverso la tassazione e i tagli ai servizi).

Nulla di cui stupirsi per chi abbia anche una superficiale conoscenza dei meccanismi di funzionamento delle istituzioni europee e delle loro linee d’indirizzo. Non si può che stigmatizzare il feticistico culto del ‘rigore’ contabile in spregio alle condizioni materiali delle popolazioni dei diversi Stati, alcune più di altre flagellate, specie nei suoi strati più deboli, dalle cure austeritarie e dalla pandemia.

Che la Grecia fosse null’altro che un laboratorio è cosa nota; che la sua replica in grande stile dovesse abbinarsi al collasso pandemico è invece un esito possibilmente peggiorativo di quello scenario contro il quale, ovviamente, occorre dispiegare ogni energia di opposizione.

BCE e certo ‘sovranismo’: i disvelamenti del PEPP

Marattin, Babbo Natale e le condizionalità di Recovery e MES

MES no, MES sì

Collasso finanziario da coronavirus: è l’Unione Europea!

Coronavirus, tra Unione Europea e regionalismo differenziato

Suicidi. Tra emergenza coronavirus, Unione Europea e governi subalterni

Unione Europea: una razionalità strategica geopolitica delle crisi

Fondo Monetario Europeo? “Una calamità immensa”

Pro-euro e no-euro: curiose convergenze sull’«errore dell’euro» e verità inconfessabili

ass.indipendenza.info@gmail.com *** info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Roma 22 ottobre: incontro politico e organizzativo

A Roma, venerdì 22 ottobre 2021 – ore 19:30
in via Luigi Barzini senior 38 (tra metro Quintiliani e Monti Tiburtini, traversa di via Filippo Meda)

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Enti locali, autonomia differenziata e taglio dei servizi pubblici

Un pesantissimo buco nelle casse degli enti locali italiani: 22,8 miliardi. È questa la stima del Comitato delle Regioni UE su un’analisi dei conti del 2020 in cui, per la crisi, le entrate sono crollate e si è speso di più. Si tratta in termini assoluti della perdita più alta d’Europa dopo la Germania (qui un rosso, tra Laender e città, di quasi 112 miliardi). La prospettiva, rileva detto Comitato, è di un taglio dei servizi pubblici che dipendono da dette amministrazioni.

In questo scenario è ancora più grave che il governo Draghi stia marciando a tappe forzate, sulla spinta del PD, di Salvini e dei governatori del Nord, verso la realizzazione dell’autonomia differenziata i cui negativi effetti, resisi già manifesti in questi anni, si sono aggravati in questo periodo di ‘emergenza sanitaria’ e sono destinati ad accrescere le disuguaglianze oltre che trasformare l’Italia in tanti staterelli. Nella notte fra il 29 e il 30 settembre, nella Nota Aggiuntiva al Documento di Economia e Finanza 2021 (Nadef) approvata dal Governo il 29.09.2021, ha fatto poi seguito nella notte, per poi apparire sul sito ufficiale del Ministero di Economia e Finanza il 30 settembre, la comparsa –nell’elenco dei DDL Collegati alla prossima legge di bilancio– il DDL “Disposizioni per l’attuazione dell’autonomia differenziata di cui all’articolo 116, comma 3, Cost.”.

Si noti che questo risulta al primo posto fra i DDL collegati al Nadef.

Il 31 ottobre 2021, alle 10:00, in presenza, ci sarà a Roma l’assemblea nazionale dei comitati Per il Ritiro di ogni Autonomia Differenziata, che deciderà le iniziative da intraprendere. Invitiamo a partecipare.

Sud Italia, Recovery Fund e agricoltura. Manifestazione a Roma

Mobilitazione nazionale contro il DDL Boccia e per il ritiro di qualunque autonomia differenziata

Regionalismo differenziato/Stralciato il DDL Boccia: vittoria di tappa!

Sergio Mattarella su regionalismo e integrazione europea: confessioni di un anti italiano

Il lato oscuro del regionalismo differenziato

Lega e regionalismo differenziato

Integrazione europea e regionalismo differenziato: dentro la decostruzione dello Stato nazionale

Sergio Mattarella a Belluno: regionalismo differenziato

Senza critica all’Unione Europea, nessuna critica al regionalismo differenziato ha senso

Paolo Maddalena in opposizione al regionalismo differenziato

Regionalismo differenziato, questione settentrionale e puntini sulle “i”

Dopo il referendum in Veneto e Lombardia: quali prospettive

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Roma 15 ottobre incontro politico e organizzativo

A Roma, venerdì 15 ottobre 2021 – ore 19:30

via Luigi Barzini senior 38 (tra metro Quintiliani e Monti Tiburtini, traversa di via Filippo Meda)

– Il punto sulla X assemblea di Indipendenza.

– Revoluzione Civica: aggiornamenti e riunione plenaria sabato 16 ottobre.

– Autonomia regionale differenziata. Situazione e assemblea a Roma del 31 ottobre.

– Sui fatti di Roma (assalto neofascista alla sede CGIL).

Revoluzione civica a Roma: il punto dopo il voto

Chiusura campagna elettorale ‘Revoluzione Civica’

Roma, Corviale, giù le mani dal Mitreo

Roma, presidio per Farmacap pubblica

Crisi Farmacap, sblocco dei licenziamenti e diritto alla salute

Revoluzione Civica e Indipendenza a fianco dei lavoratori Alitalia in lotta

Roma/ambulantato, concessioni e colonizzazione europea

Indipendenza e Revoluzione Civica

Sud Italia, Recovery Fund e agricoltura. Manifestazione a Roma

Mobilitazione nazionale contro il DDL Boccia e per il ritiro di qualunque autonomia differenziata

Regionalismo differenziato/Stralciato il DDL Boccia: vittoria di tappa!

Sergio Mattarella su regionalismo e integrazione europea: confessioni di un anti italiano

Il lato oscuro del regionalismo differenziato

Lega e regionalismo differenziato

Integrazione europea e regionalismo differenziato: dentro la decostruzione dello Stato nazionale

Sergio Mattarella a Belluno: regionalismo differenziato

Senza critica all’Unione Europea, nessuna critica al regionalismo differenziato ha senso

Paolo Maddalena in opposizione al regionalismo differenziato

Regionalismo differenziato, questione settentrionale e puntini sulle “i”

Dopo il referendum in Veneto e Lombardia: quali prospettive

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Forza Nuova e CGIL, le implicazioni di un assalto

Con il suo assalto squadristico alla sede nazionale della CGIL a Roma, Forza Nuova, un gruppo dichiaratamente fascista, realizza l’atto più tipicamente fascista che ci sia, cioè assaltare la sede di un sindacato. La condanna dell’atto è quindi in sé, senza che questo significhi il venir meno di una valutazione critica, fortemente critica, sull’indirizzo e le azioni (anche) di questo sindacato.

La risposta ferma di fronte a tale atto (la manifestazione di sabato 16) è ovviamente in sé comprensibile e legittima, senza che questo significhi che possibili contenuti che dovessero emergere dalla stessa (ad es. legittimare e sostenere il governo Draghi) siano condivisibili e anzi da avversare in radice.

Ci preme adesso soffermarci su alcune fattive implicazioni della vicenda:

1. Pone un macigno sulla strada al Campidoglio nel ballottaggio romano di domenica-lunedì al centrodestra di Michetti, l’uomo di Fratelli d’Italia (FdI), non tanto per voti moderati che potrebbero venirgli meno, quanto per quelli ben più numerosi che potrebbero emotivamente confluire su Gualtieri in nome dell’antifascismo.

2. Quanto sopra appare una risposta alla stessa Meloni che di Michetti è mentore. Una settimana fa, a seguito della tempesta mediatica scaturita dall’inchiesta giornalistica di Fanpage sulla “lobby nera” nel milanese che ha coinvolto FdI nelle sue figure di spicco (la principale: Carlo Fidanza) per contiguità con ambienti del neofascismo e finanziamenti illeciti, la presidente di Fratelli d’Italia replicò definendo “i nostalgici del fascismo” come “utili idioti della sinistra” e dichiarando che eventuali contiguità con costoro sarebbero state sanzionate con l’espulsione. Toni fermi tra opportunismo comunicativo esterno e un inconfessabile equilibrismo su anime interne al partito. Poco importa per Forza Nuova che, con la sua azione, sembra avvertire la Meloni che non è salutare maltrattare i “camerati nostalgici”.

3. La ricostruzione della dinamica dell’assalto ci dice due cose: o si è trattato clamorosamente di una pessima gestione della questura di Roma oppure è stato consentito ai neofascisti di arrivare fin sotto la sede della CGIL (che il forzanovista Castellino, dal palco di piazza del Popolo, aveva additato preannunciando un’ora prima l’assalto) e si è lasciato fare per poi saldare nell’immaginario collettivo l’equazione neofascisti=critici del Green Pass.

Che i fascisti di Forza Nuova (e non solo loro!) non siano un corpo estraneo in diverse manifestazioni via via che si sono tenute contro mascherine, chiusure, vaccini e green pass ma che possano sguazzare allegramente come pesci in questi mari è un dato di fatto che ha cause precise su cui non è questa la sede per analizzarle. Ma l’equazione neofascisti=critici del Green Pass è una strumentale forzatura che si sta già registrando nell’ingrossamento delle manifestazioni (soprattutto considerando quelle di oggi, 11 ottobre, promosse anche dai sindacati di base) con dentro settori politici e del mondo del lavoro antitetici alla galassia neofascista e preoccupati dall’agenda del governo Draghi, includendo quindi anche l’estensione delle misure impositive sul Green Pass dal 15 ottobre. Una preoccupazione che addirittura travalica le manifestazioni e di cui è spia la richiesta di deroghe e dilazioni da parte di diversi imprenditori in Confindustria preoccupati di un blocco delle produzioni e dei costi per il pagamento dei tamponi.

E la CGIL? Premesso quanto sopra detto e la valenza simbolica dell’attacco (per i neofascisti colpire il sindacato –e in tale ambito proprio quello perché percepito ‘di sinistra’– è figlio di una ‘lunga storia’ novecentesca…), non si può sottacere il ruolo che ormai questo sindacato, al pari degli altri due sindacati confederali (e non solo), svolge da tantissimi anni lungo una dorsale di compiacenza confindustrial-governativa neoliberista europea.

Lo diciamo perché non si può non rilevare il paradosso del richiamo politico/governativo/sindacale all’antifascismo e la fattiva negazione del patrimonio politico-culturale dell’antifascismo, consumato (anche) da questo stesso settore sindacale con lo svuotamento di significato ed il progressivo stravolgimento dei valori costituzionali e dei diritti sociali dispiegati in decenni di concertazione asservita alle politiche confindustriali ed euro-atlantiche.

Al ministero dell’Istruzione contro il green pass

#Noncomeprima: costruire e organizzare l’alternativa

Pensioni, Landini e Unione Europea

Contro il Green Pass sciopero in fabbrica e fermento nel mondo della scuola

De Rossi e il Covid: spunti per alcune riflessioni

Antifascismo, giustizia sociale e anticapitalismo: senso e prospettive del 25 aprile

Il PD e l’Ucraina: l’antifascismo da spiaggia atlantica

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Francesco Labonia intervistato su Unione Europea e scenari attuali

Giuseppe Gangemi intervista Francesco Labonia su Unione Europea e prospettive di intervento politico di Indipendenza

Indipendenza su crudiezine

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Revoluzione civica a Roma: il punto dopo il voto

4.546 voti (0,41%): questo, a scrutinio pressoché completato, il risultato di Revoluzione Civica. Nell’incontro di stasera, presieduto dalla candidata sindaco Monica Lozzi, cui ha partecipato poco più di un centinaio di persone, si è fatto un primo bilancio: l’esito è stato al di sotto delle aspettative e si è individuato cosa ha ‘giocato’ contro e cosa si è sbagliato.

Colpisce pur tuttavia che, a questa prima uscita, pur nella modestia dei numeri, ci si sia posizionati meglio di partiti con una loro storia e struttura, comunque esistenti da molti anni, come il PC di Rizzo, il PCI, RI, il PCL e al di sotto, di poco, della lista Berdini (con dentro Rifondazione Comunista, il Partito del Sud e la lista civica Roma per l’Ecologia Integrale) e, sia pur un po’ più staccati, di Potere al Popolo.

L’intendimento emerso è quello di proseguire il lavoro politico avviato. Seguiranno a breve incontri per confrontarsi e definire su ‘cosa’ intervenire, ‘come’ e quale tipo di organizzazione darsi nei territori.

Il dato positivo è la presenza di nuclei operativi presenti in tutte e quindici le municipalità della Capitale, considerando che, per via di una serie di assenze, i numeri potenziali sono superiori a quello dei partecipanti di questa sera.

Da questo punto di vista, non male davvero per una lista nata poco più di un anno fa.

Intanto segnaliamo la partecipazione di Monica Lozzi, candidata sindaco di Revoluzione, alla X^ assemblea di Indipendenza che si terrà a Roma sabato 9 ottobre (h. 10:00-17:00).

Come da programma una parte verterà sul bilancio e le prospettive di Revoluzione.

Sarà possibile partecipare in presenza o collegandosi a distanza su piattaforma meet.Indipendenza5 ottobre 2021

Chiusura campagna elettorale ‘Revoluzione Civica’

Roma, Corviale, giù le mani dal Mitreo

Roma, presidio per Farmacap pubblica

Crisi Farmacap, sblocco dei licenziamenti e diritto alla salute

Revoluzione Civica e Indipendenza a fianco dei lavoratori Alitalia in lotta

Roma/ambulantato, concessioni e colonizzazione europea

Indipendenza e Revoluzione Civica

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Roma 5 ottobre: un primo bilancio del voto

Amministrative 3-4 ottobre. Un primo bilancio del voto

A Roma, martedì 5 ottobre 2021, alle ore 19:30 via Luigi Barzini senior, 38 (tra metro Quintiliani e Monti Tiburtini; traversa di via Filippo Meda)

Chiusura campagna elettorale ‘Revoluzione Civica’

Roma, Corviale, giù le mani dal Mitreo

Roma, presidio per Farmacap pubblica

Crisi Farmacap, sblocco dei licenziamenti e diritto alla salute

Revoluzione Civica e Indipendenza a fianco dei lavoratori Alitalia in lotta

Roma/ambulantato, concessioni e colonizzazione europea

Indipendenza e Revoluzione Civica

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Chiusura campagna elettorale ‘Revoluzione Civica’

Il 1 ottobre 2021, giorno di chiusura della campagna elettorale, banchetti e volantinaggi vedranno impegnata Revoluzione Civica in diverse zone di Roma.

Dalle 18:00 alcuni di noi (ass. Indipendenza) saranno alla fermata metro Garbatella per invitare, volantinando, al voto della lista e per diffondere il numero della rivista omonima uscito a settembre.Con l’occasione invitiamo a votare e a far votare Revoluzione Civica.

Ci auguriamo che il lavoro politico avviato con questa lista civica alla fine dello scorso anno produca risultati.

La scadenza elettorale del 3 e 4 ottobre prossimi sono una tappa di un progetto che punta a costruire qualcosa di molto significativo intanto a Roma. Ovviamente avrà la sua rilevanza il numero di consensi che riceveremo. Siamo molto fiduciosi comunque determinati, quale che sia l’esito del voto, a proseguire.

Roma, Corviale, giù le mani dal Mitreo

Roma, presidio per Farmacap pubblica

Crisi Farmacap, sblocco dei licenziamenti e diritto alla salute

Revoluzione Civica e Indipendenza a fianco dei lavoratori Alitalia in lotta

Roma/ambulantato, concessioni e colonizzazione europea

Indipendenza e Revoluzione Civica

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento