Imperialismo straccione italofono in Sud America

Indicativa la descrizione del seminario economico di Unioncamere Veneto sul Brasile, i cui passaggi più significativi di seguito si riportano:
Il cambio di governo ha finalmente creato un’opportunità per ripensare alla posizione del Brasile nel mondo, e molti sono ormai i segnali che portano a vedere grandi possibilità di un’ulteriore apertura del Paese al commercio internazionale. […]Le riforme presentate dal nuovo Presidente Jair Bolsonaro sulla previdenza sociale, l’apertura a nuove concessioni e privatizzazioni e per un’economia più forte in 10 anni hanno creato un immediato effetto positivo sulle previsioni degli economisti per il Mercato Brasiliano per il 2019.
Il solito vecchio imperialismo straccione, pronto a razzolare le briciole che il padrone a stelle e strisce, attivissimo nel sistemare le recinzioni di quello che considera il suo ‘giardino di casa’, l’America Latina, appunto, eventualmente lasciasse alle nostre imprese. Una meschinità se possibile ancor peggiore siccome proveniente da un Paese, il nostro, che è vittima delle stesse identiche dinamiche predatorie e antipopolari degli oligopoli capitalistici e delle loro sponde politiche. Che si parli di Venezuela, di Brasile o di Italia, il meccanismo di soggiogamento è esattamente il medesimo e a ogni latitudine va combattuto.

Venezuela: l’attacco si fa ‘elettrico’

Gli aiuti umanitari come ‘casus belli’. Juan Guaidò: “I morti non sono un costo, ma un investimento per il futuro”

 

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

 

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Roma/Atac: quali insegnamenti dalle chiusure della metro

Ci sono vari insegnamenti da trarre dalla chiusura di alcune stazioni della metropolitana di Roma.

Anzitutto che sotto il tallone delle politiche austeritarie europee anche le cose più banali e quotidiane non sono scontate né acquisite. Siano le scale mobili della metro, le flebo in un ospedale o il riscaldamento a scuola.

Secondariamente dimostra l’importanza anche per gli operatori economici privati, specie per le piccole attività commerciali e artigianali di prossimità, di servizi pubblici efficienti e davvero al servizio della collettività: i cali nei volumi d’affari lamentati in questi giorni nelle aree interessate dalle chiusure, dicono tutto al riguardo.

Da ultimo, e per l’ennesima volta, esplicita tutte le criticità del sistema di appalti ed esternalizzazioni che rende, nei fatti, impossibile governare il servizio e avere una esplicita filiera delle responsabilità.

“Indipendenza” continua a coordinare le proprie rivendicazioni per arrivare ad un’Atac davvero indirizzata all’utilità sociale mediante la creazione di una società speciale di diritto pubblico sottratta alle dinamiche del mercato e del profitto.

Atac, a proposito di multe e assenteismo

Uber: un esempio di ‘capitalismo delle piattaforme’

Insieme per ricostruire il servizio pubblico di trasporto – trasformare Atac in Azienda Speciale – aprire il Comune alla partecipazione di lavoratori e utenti – iniziative del Comitato promotore

Bilancio della campagna (prima fase) di Indipendenza sul trasporto pubblico a Roma

Il manganello euroatlantico sul trasporto pubblico locale: Milano, Genova e Firenze

Atac: il NO al bar e al lavoro

CEDIMENTO SCALA MOBILE A ROMA: EFFETTI DELLA LIBERALIZZAZIONE / PRIVATIZZAZIONE DI ATAC!

Atac: noi non smobilitiamo!

Verso il voto: le ragioni del NO al referendum Atac

Atac/11 novembre: perché votare NO

Atac: il NO al bar e al lavoro

Perché NO

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Roma, 5 aprile: la gabbia euroatlantica della Troika

La gabbia euro-atlantica della Troika.
Proiezione docufilm.

A Roma, venerdì 5 aprile 2019, alle ore 19,30
via Luigi Barzini senior, 38
(tra metro Quintiliani e Monti Tiburtini; traversa di via Filippo Meda)

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

troika indi

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Toh, il nuovo simbolo del PD

Eccolo qua, il nuovo simbolo del Partito Democratico (PD) per le elezioni europee di maggio.
A presentarlo due figure che ben simboleggiano la continuità dell’impianto liberista e +europeista del PD: da un lato il nuovo segretario del partito, Nicola Zingaretti, dall’altro, Carlo Calenda, viceministro dello “sviluppo economico” sotto il governo Letta, poi ministro allo stesso dicastero nei governi Renzi e Gentiloni.

Il primo incensato da certa stampa anche internazionale per il suo “sorriso” stante che la sua affidabilità neoliberale l’ha ben mostrata da presidente della regione Lazio adempiendo scrupolosamente alle direttive europee “del consolidamento finanziario, della riduzione strutturale del disavanzo di amministrazione e del conseguimento dell’equilibrio di bilancio nella gestione sanitaria regionale”, in concreto tagli, chiusura e privatizzazione di centri sanitari e ospedalieri in linea peraltro con l’azione della precedente giunta Polverini, di centrodestra. Insomma, un buon curriculum per la Troika UE-BCE-FMI.

Il secondo, da circa un anno con il suo “Manifesto liberale”, si pone come il salvatore del liberismo e si proclama fautore di +Europa, di “un liberalismo pragmatico” attento a che “l’ideologia del mercato” non prevalga sulle “regole”. È questo il concetto fondamentale del “liberalismo calendiano”: “il mercato non è il Far West, ma un’istituzione fatta di regole, non di concorrenza sfrenata e selvaggia”. Ineffabile Calenda!
Stante questi suoi assunti, si sarà fatto fautore di una battaglia in tal senso all’interno della sua Unione Europea? Ovviamente no: imbonitore sì, ma scemo no. Il suo cavallo di battaglia è la “vittoria”, condotta nell’ambito dell’Unione Europea, contro “il riconoscimento alla Cina dello status di economia di mercato”. Un altro ‘affidabile’, quindi!

Infine, nel nuovo simbolo del PD per le europee si nota la presenza del PSI –in questi giorni a congresso– dell’uscente, come presidente, Riccardo Nencini. Il partito versa in condizioni drammatiche. Alle scorse elezioni di marzo ottenne lo 0,6% in alleanza con Verdi e ulivisti.
Forse quell’inserimento intende lasciare aperta la porta alla possibilità che concorrano alla lista altre forze del sottobosco europeista. A noi piace sperare che sia un segnale del tracollo che auguriamo loro.

Il PD e l’Ucraina: l’antifascismo da spiaggia atlantica

Scissione PD: gattopardem, il trasformismo e gli snodi qualificanti per un’alternativa di società

PD e ‘fronte repubblicano’: belli ciao!

Il PD romano per il SI al referendum Atac: quali risvolti dietro tale decisione

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Roma 2 aprile: Nuova via della Seta e memorandum Italia-Cina

Nuova Via della Seta e Memorandum d’Intesa Cina-Italia. Parliamone

A Roma, martedì 2 aprile 2019, alle ore 20,00

via Pullino 1 (fermata Metro B “Garbatella”)

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

via seta indi

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Roma 29 marzo: grandi opere affaristiche contro interessi nazionali e resistenze popolari

Grandi opere affaristiche contro interessi nazionali e resistenze popolari.
Proiezione docufilm.

A Roma, venerdì 29 marzo 2019, alle ore 19,30
via Luigi Barzini senior, 38
(tra metro Quintiliani e Monti Tiburtini; traversa di via Filippo Meda)

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

grandi opere indi

Gasdotto TAP e interessi geopolitici USA

CasaPound su Atac e Tav

Cerveteri e Roma, i fronti di intervento di Indipendenza: dai rifiuti ai nuovi voucher

 

 

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Roma 22 marzo: omaggio a Enrico Mattei con la proiezione di Potere e petrolio

Proiezione docufilm “Potere e petrolio”.
Omaggio ad Enrico Mattei

A Roma, venerdì 22 marzo 2019, alle ore 20,00
via Luigi Barzini senior, 38
(tra metro Quintiliani e Monti Tiburtini; traversa di via Filippo Meda)

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

enrico mattei

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento