Oltre il Venezuela, anche l’Iran?

Non paga del suo tentativo di alimentare la guerra civile in Venezuela e, alla bisogna, come più volte ripetuto, pronta ad un attacco militare contro il Paese caraibico, ora l’amministrazione Trump punta anche all’Iran.
Mike Pompeo, ex direttore della CIA ed oggi segretario di Stato, ha dichiarato alla Fox di essere “assolutamente convinto” che si possa formare un’alleanza tipo NATO contro l’Iran.

Proprio in funzione anti-Teheran la Casa Bianca ha organizzato un vertice, in Polonia, per il 13 e 14 febbraio. “Penso”, ha aggiunto Pompeo, “che ogni Paese capisca che è nel suo miglior interesse [far parte di questa “alleanza” contro l’Iran]. Ora dobbiamo lavorare sui dettagli per riuscirci”.
La Casa Bianca intende costituire una “alleanza strategica ebreo-sunnita” contro l’Iran. Non è casuale, in tal senso, il rientro al Dipartimento di Stato USA di Elliot Abrams, uno dei fedelissimi al tempo di Ronald Reagan, negli anni Ottanta del secolo scorso. Una figura tristemente nota, implicata nei massacri in Guatemala, Salvador e Nicaragua, e già attiva sul “dossier Venezuela”.

Curiosamente, proprio negli ultimi tempi, sono divenute ufficiali le comunicazioni delle autorità militari e politiche israeliane nel rivendicare attacchi dell’aviazione di Tel Aviv in Siria. Nulla che non si sapesse già, certo, ma il fatto nuovo sta nel dichiararlo apertamente. Si sapeva da anni, inoltre, del sostegno “umanitario” ai feriti salafiti-wahabiti curati negli ospedali israeliani e poi rimandati al fronte in Siria. La stampa israeliana ha più volte riportato le immagini delle visite a questi feriti effettuate negli ospedali dal primo ministro Benyamin Netanyahu.

Ora, in modo nient’affatto sorprendente, si viene a sapere che non solo di “sostegno umanitario” ai “ribelli siriani” nel Golan si trattava. È l’uscente capo di stato-maggiore delle forze armate israeliane, generale Gadi Eisenkot, a dichiarare al Sunday Times che, negli “ultimi anni”, lo Stato ebraico ha equipaggiato e appoggiato militarmente i jihadisti di almeno 12 gruppi . Ed è ad una pluralità di giornali che Eisenkot sta rilasciando interviste. Ha ammesso che sono centinaia i bombardamenti effettuati dall’aviazione israeliana in Siria, a ben vedere coperti dalla complicità ed impunità assicurate dalla sedicente “comunità internazionale” a guida USA. Nel solo 2018, ha detto Eisenkot, sono state almeno 2mila le bombe scaricate da Israele in Siria su obiettivi iraniani, di Hezbollah e della Siria stessa.
Israele, che sulla questione-Venezuela è stato tra i Paesi più solerti, dopo gli Stati Uniti, a riconoscere l’auto-proclamato presidente Guaidò, non mancherà ovviamente all’appuntamento del vertice anti-Iran della settimana prossima a Varsavia, in Polonia.

***

Lo spagnolo Juan Carlos Monedero (politologo, accademico, saggista, politico e conduttore televisivo) smonta brillantemente una serie di menzogne sul Venezuela

 

Venezuela, la causa oscura.
Documentario di Hernando Calvo Ospina, 2017, 38′.
Questo lavoro non è legato a fatti contingenti, ma continuerà ad essere di attualità finché gli Stati Uniti persisteranno nel loro obiettivo di “finire” la Rivoluzione Bolivariana che il Venezuela sta cercando di costruire, finché gli Stati Uniti non cesseranno il loro progetto di impossessarsi del petrolio e delle altre risorse naturali del paese caraibico. Nel 1902 già l’Inghilterra, la Germania e altre nazioni europee volevano impossessarsi del Venezuela. Gli argomenti e le pratiche di destabilizzazione di quei tempi lontani sono praticamente gli stessi messi in atto ancora oggi contro il governo sovrano del Venezuela.
Il documentario è basato su interviste a studiosi e ricercatori venezuelani che, in linguaggio semplice e didattico, ci raccontano una storia che i grandi media insistono a nascondere.

Con il Venezuela bolivariano. Patria, sovranità, indipendenza e socialismo

Il “popolo invisibile” del Venezuela

Venezuela/ Golpismo ‘made in U.S.A.’ e sua grottesca architettura mediatico-giuridica

Atto golpista a Caracas. E gli USA, in regìa, minacciano l’intervento militare

Brasile/ L’estrema destra dei ‘Chicago boys’ al potere

Premio Sacharov all’opposizione venezuelana: l’Unione Europea al fianco delle classi dominanti

Venezuela: netta affermazione del PSUV alle elezioni regionali

Venezuela: disinformazione e spunti di riflessione

Venezuela: la parola alla difesa

Destabilizzazione e disinformazione sul Venezuela: il caso López Manjarres

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Annunci

Informazioni su associazioneindipendenza

Rivista patriottica e sovranista italiana impegnata in una battaglia di liberazione sociale dall'egemonia euroatlantica rifacendosi ai valori della Resistenza
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...