Crisi Farmacap, sblocco dei licenziamenti e diritto alla salute

Liquidazione coatta amministrativa, praticamente il fallimento, in piena pandemia: il futuro di Farmacap, l’azienda speciale delle farmacie comunali di Roma Capitale sembra essere questo. Una catastrofe per la rete di circa quaranta farmacie –spesso in quartieri periferici e cronicamente sprovvisti di servizi– che rischia di essere compromessa e smembrata in piena emergenza sanitaria. Commissariata, direttore generale a interim, bilanci non approvati da anni, una cronica ‘gestione emergenziale’, finanziamenti insufficienti a garantire acquisti essenziali ed adesso una riduzione dell’accesso al credito (taglio dei fidi) tale da indurre il commissario straordinario, Marco Vinicio Susanna, ed il direttore generale ad interim, Emiliano Mancini, a comunicare alle rappresentanze sindacali aziendali l’impossibilità di pagare forniture e stipendi. Sono questi gli ingredienti di una crisi che ancora una volta sta per essere scaricata sui dipendenti, sulla filiera dei fornitori in particolare medio-piccoli e sulla cittadinanza che rischia di veder disarticolati essenziali presìdi territoriali di salute pubblica.

Su Farmacap e la sua gestione occorrerà fare chiarezza e non è da escludere che tale compito tocchi alla magistratura. Ora la responsabilità è tutta della politica che deve trovare subito una soluzione per garantire l’operatività ordinaria, rilanciare l’attività d’impresa e avviare un piano di risanamento che non sia ‘tagli, spezzatino e privatizzazione’ ma che punti all’ampliamento dei servizi offerti, all’integrazione con il servizio sanitario pubblico, al rilancio dell’immagine e della comunicazione (sia in rete che in termini di radicamento nelle aree e quartieri di riferimento) e, ancor di più, sul ruolo pubblico dell’azienda: contrasto alla povertà sanitaria, sostegno alle fasce deboli e alle loro esigenze nonché alle professioni sanitarie nell’incontro domanda/offerta, sensibilizzazione ed educazione sanitaria.

Un capitolo a parte sarebbe poi da aprire sul ruolo delle farmacie nella gestione domiciliare dei pazienti Covid e nell’organizzazione di un protocollo univoco per limitare l’ospedalizzazione ai soli casi che ne abbiano assoluta necessità.

Il concreto rischio che non vengano pagati gli stipendi del personale è da scongiurare per tutelare il lavoro e le professionalità di Farmacap. Ogni sasso tolto alla valanga della congiuntura attuale è un concreto aiuto a un tessuto economico stremato da oltre un decennio di austerità europea, tagli e, da ultimo, dalla pandemia. In questo senso è da ricordare che alla fine del mese di marzo, allo stato, si arriverà allo sblocco dei licenziamenti, sospesi a causa del Covid 19 un anno fa: una vera e propria bomba sociale a orologeria sia in termini diretti (perdita di potere d’acquisto) e di indotto, sia sulle prospettive economiche d’insieme. Roma Capitale rischia di pagare un prezzo altissimo: il comparto turistico è praticamente azzerato, Alitalia è di fatto in una situazione di insolvenza e Roma Multiservizi, altra municipalizzata, rischia la stessa fine. In questo contesto ogni posto di lavoro e ogni diritto essenziale deve essere difeso come una trincea. Indipendenza, da sempre al fianco dei lavoratori e degli utenti, per questa e tutte le realtà in crisi non mancherà di fornire il suo sostegno in termini di analisi, di proposte, di azione. Si inscrive in tal senso l’impegno di Indipendenza in “Revoluzione civica” per le comunali romane di quest’anno.

Roma/ambulantato, concessioni e colonizzazione europea

Atac: noi non smobilitiamo!

Alitalia, speculazioni e intervento pubblico

Trasporto pubblico, autonomia differenziata e disintegrazione dell’Italia

Giù le mani da Alitalia, giù le mani dall’Italia: dopo il corteo di Roma, per una direzione politica della liberazione nazionale

Indipendenza al fianco dei lavoratori Alitalia, contro ricatti governativi e accordi bidone

Referendum Alitalia: ‘non ci sono alternative’, il concetto di elezioni ai tempi dell’UE

Insieme per ricostruire il servizio pubblico di trasporto – trasformare Atac in Azienda Speciale – aprire il Comune alla partecipazione di lavoratori e utenti – iniziative del Comitato promotore

Il manganello euroatlantico sul trasporto pubblico locale: Milano, Genova e Firenze

Tesi sulla sanità

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Informazioni su associazioneindipendenza

Rivista patriottica e sovranista italiana impegnata in una battaglia di liberazione sociale dall'egemonia euroatlantica rifacendosi ai valori della Resistenza
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...