DDL Concorrenza: promuovere l’opposizione, operare per la rottura dell’ordine giuridico comunitario (UE)

L’art. 6 del DDL Concorrenza s’inscrive nella marcia a tappe forzate lungo le linee d’indirizzo europee/mercatiste per asfissiare gli enti locali che mai volessero ipotizzare alternative nella gestione dei servizi pubblici, che sarebbero gravati ai sensi della lettera f) di detto articolo, di un vero e proprio vincolo ‘tecnico’ da parte dell’Autorità garante per la concorrenza e il mercato: insomma, prima il profitto poi, se avanza, i diritti dei cittadini.

Niente di cui stupirsi con al governo “Lui”, Mario Draghi, coestensore della ‘lettera della BCE’ dell’agosto 2011, come ricordavamo.

Siamo oltre la scelta di campo (pro mercato!) di asfissiare le imprese pubbliche ‘in house’, che provvedono come realtà di scopo al soddisfacimento dei bisogni collettivi, scelta finalizzata a dare spazi di intervento maggiori alla speculazione privata e, in prospettiva, a nuove privatizzazioni, tagli e ‘razionalizzazioni’. Qui si parla proprio di una cesura di metodo in cui il privato viene scelto come opzione normativa.

Da dove ciò derivi è facile leggerlo scorrendo sempre l’articolo 6, alla lettera m) estensione, nel rispetto della normativa dell’Unione Europea, della disciplina applicabile ai servizi pubblici locali, in materia di scelta della modalità di gestione del servizio e di affidamento dei contratti, anche al settore del trasporto pubblico locale.

Insomma, il problema sistemico è e resta sempre l’appartenenza all’Unione Europea; qualsiasi altro aspetto ne discende a mo’ di corollario. Non possiamo che auspicare che tale consapevolezza avanzi ulteriormente in seno, fra l’altro, al Forum della Convergenza dei Movimenti promosso dalla ‘Società della Cura’ per i prossimi 25-27 febbraio per coordinare e articolare un’opposizione che radichi le sue ragioni su una cesura netta e senza esitazioni con l’ordine giuridico e politico comunitario.

Indipendenza non mancherà di fornire il suo contributo di idee.

Unione Europea, Italia e MES

Italia/Il cavallo di troika del PNRR euro-atlantico

Toh!, rispunta il MES

‘Missione salute’ (PNRR), governo Draghi e picconate (ulteriori) alla sanità pubblica. Tra UE e regionalismo differenziato

Asili nido/Unione Europea, PNRR e regionalismo differenziato

Fondo Monetario Europeo? “Una calamità immensa”

Trattato ‘del Quirinale’…o ‘dell’Eliseo’?

BCE e certo ‘sovranismo’: i disvelamenti del PEPP

Marattin, Babbo Natale e le condizionalità di Recovery e MES

MES no, MES sì

Sui conti pubblici la Commissione Europea avverte l’Italia

‘Pizzini’ europei ai sudditi

Unione Europea: una razionalità strategica geopolitica delle crisi

Pro-euro e no-euro: curiose convergenze sull’«errore dell’euro» e verità inconfessabili

Stati ‘frugali’ e ideologia europeista

Crisi sociale, risparmio e reprimende UE

L’anno del Dragone?

Draghi-Mattarella: Italia in amministrazione controllata

Veto e disvelamento euroatlantico di Mattarella

Gli avvertimenti euroatlantici del Quirinale

Draghi all’assalto dei servizi pubblici locali

2011-2021. A dieci anni dai ‘quattro referendum’: commissariati e contenti

Elezioni (2019) in Grecia: ‘il più grande successo dell’euro’ e dell’Unione Europea

ass.indipendenza.info@gmail.com *** info@rivistaindipendenza.org

Informazioni su associazioneindipendenza

Rivista patriottica e sovranista italiana impegnata in una battaglia di liberazione sociale dall'egemonia euroatlantica rifacendosi ai valori della Resistenza
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...