G20 a Roma: il discorso della presidenza italiana

Luca Deperi (Indipendenza, Savona)Vi anticipo il discorso che farò in occasione del G20 di Roma (potrete comunque vederlo in tv o in streaming, andrà in mondovisione). 😎

Signori capi di governo, benvenuti. Siete qui, per la prima volta dopo decenni, come ospiti. Non più come padroni.

Signori Biden e Johnson noi non dobbiamo più nulla a USA e UK poiché se è vero che ci avete liberato dai nazisti è pur vero che avete sostituito la loro occupazione con la vostra occupazione.

Dal 1946 in Italia avete deciso governi, imposto la politica estera, pilotato la politica economica. Avete utilizzato Gladio e la P2 per portare avanti, insieme a politici e funzionari locali, la strategia della tensione. Avete ucciso. Avete depredato. Sappiate che da ora in poi l’Italia si comporterà da Paese libero. Avremo una nostra politica estera e commerciale; faremo scambi con qualunque nazione riterremo opportuno utilizzando la valuta che di volta in volta concorderemo coi nostri interlocutori. Siamo liberi di non comprare più le vostre armi, di non servire la vostra Nato.

A proposito, le vostre basi militari qui in Italia non sono gradite; tutti i militari e il personale dei servizi segreti stranieri devono lasciare il Paese.

Signor Macron, spero avremo rapporti di buon vicinato. Dica alla sua Gendarmeria che se vuole rispetto deve dare rispetto: per chi rappresenta la propria nazione la frontiera è frontiera, noi di qua e voi di là; mi auguro nell’interesse di tutti che per i civili si possa giungere a comodi accordi di circolazione. La avviso che il TAV è bloccato immediatamente, credo saremo ottimi amici anche senza quell’inutile scempio.

Signora Merkel, signor Scholz. Quando l’Italia ha aderito alla UE e all’Euro l’economia italiana era più forte di quella tedesca, noi eravamo un Paese in salute, la Germania era piena di problemi. Anche il nostro stato sociale funzionava meglio di oggi, anzi molto meglio di oggi. Nel frattempo i governi che hanno preceduto il mio, siano essi di centro destra o di centro sinistra, hanno sistematicamente obbedito a quanto da voi richiesto: riforme del lavoro, privatizzazioni, tagli al sociale, ecc.. Il risultato è stato che oggi voi rappresentate la principale potenza d’Europa e noi una nazione in crisi. Ecco perchè con decorrenza immediata lasciamo Euro e UE.

Non riconosciamo alcun debito estero contratto in una valuta che non ci appartiene, che non possiamo stampare, che per decenni è stato un cappio al collo del popolo che rappresento. Non riconosciamo FMI e WB, soggetti finanziari privati che mentre hanno arricchito pochi hanno affamato molti. Non riconosciamo alcun accordo posto in essere dai traditori della Patria che ci hanno preceduto al governo della nazione.

Signori, a voi tutti giro un messaggio per le multinazionali che rappresentate: chi vuole fare soldi in Italia deve dare lavoro in Italia e pagare le tasse in Italia. La festa è finita con delocalizzazioni ed elusione. Tra lavoro e capitale noi stiamo dalla parte del lavoro che quindi andremo a tutelare a discapito della rendita. Ciò fermo restando accordi commerciali di scambio che dovranno essere approvati di volta in volta dal ministero di competenza.

Se ci incontreremo sarà bellissimo, altrimenti ognuno per la propria strada.

Infine, sperando che questo G20 porti a proficui accordi, tengo a dirvi che nè a voi, nè a nessuno straniero verrà fatto del male nonostante il colonialismo che il mio popolo ha subito; lascerete l’Italia senza i vostri collaboratori/servi italiani i quali sono soggetti a corte marziale con l’accusa di alto tradimento.

Buon soggiorno in Italia.

Nazione e patria, stella polare di ogni liberazione/rivoluzione

Orientamenti preliminari all’idea di patria e di nazione

Le tesi sulla questione nazionale

L’anno del Dragone?

Dopo Salvini, ‘endorsement’ anche di Papa Francesco per Mario Draghi

Draghi, why not? Il ‘sovranista’ Salvini riapre alla troikaDraghi-Mattarella: Italia in amministrazione controllata

Draghi-Mattarella: Italia in amministrazione controllata

Unione Europea sempre più a trazione franco-tedesca

Barroso, dalla Commissione Europea a Goldman Sachs: i miracoli delle porte girevoli made in UE

Unione Europea: una razionalità strategica geopolitica delle crisi

Il ‘sovranista’ Paolo Savona e la sua federalista-spinelliana “Politeia per un’Europa diversa, più forte e più equa”

Pro-euro e no-euro: curiose convergenze sull’«errore dell’euro» e verità inconfessabili

Il cosiddetto sovranismo di destra italiano: un’antitesi fattiva

Sovranisti costituzionali italiani… allo stesso tempo spinelliani/europei?

I critici della UE, nostalgici della CEE

Alle origini dell’Unione Europea: Spinelli, federalismo e atlantismo

Trentennio glorioso, prima repubblica e altre magiche creature: per una critica ragionata al bestiario sovranista

Fra subalternità e scenari in evoluzione: anatomia del fenomeno Ciampi

Mattarella: nella NATO e nella UE senza ‘se’ e senza ‘ma’

Tav e Recovery Fund, tra affarismi e cessioni di sovranità

ass.indipendenza.info@gmail.com *** info@rivistaindipendenza.org

Informazioni su associazioneindipendenza

Rivista patriottica e sovranista italiana impegnata in una battaglia di liberazione sociale dall'egemonia euroatlantica rifacendosi ai valori della Resistenza
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...