‘Pizzini’ europei ai sudditi

“Quando prepareranno i bilanci 2023 i Paesi dovranno tenere conto che la clausola” (di sospensione del patto di stabilità) “verrà disattivata”. Così Valdis Dombrovskis (Commissione Europea) dichiarava a margine dell’Ecofin informale in Slovenia. Come tutti sapevano, e con la pandemia tutt’altro che alle spalle, il bilancio previsionale del 2023 dovrà tenere conto dei vincoli europei alla finanza pubblica.

Messaggio recepito da Draghi e da un parlamento che, ribadendo di fatto lo svuotamento del proprio ruolo, ha approvato la risoluzione di maggioranza sulla nota di accompagnamento al DEF (Documento di Economia e Finanza) e il rispetto delle compatibilità con gli obiettivi di finanza pubblica indicati nella Nadef (Nota di aggiornamento al DEF) 2021.

Al di là del fatto che non vi sia alcun consenso politico sul ‘come’ modificarle (non ci sono neanche i tempi per farlo) è assolutamente realistico che le regole del rigore contabile vengano riproposte tali e quali in un quadro di finanza pubblica disastrato dagli esborsi connessi alla pandemia, dunque con prospettive ancor peggiori per i mostruosi avanzi primari necessari per rendervi ossequio (=drenaggio di risorse dal settore privato attraverso la tassazione e i tagli ai servizi).

Nulla di cui stupirsi per chi abbia anche una superficiale conoscenza dei meccanismi di funzionamento delle istituzioni europee e delle loro linee d’indirizzo. Non si può che stigmatizzare il feticistico culto del ‘rigore’ contabile in spregio alle condizioni materiali delle popolazioni dei diversi Stati, alcune più di altre flagellate, specie nei suoi strati più deboli, dalle cure austeritarie e dalla pandemia.

Che la Grecia fosse null’altro che un laboratorio è cosa nota; che la sua replica in grande stile dovesse abbinarsi al collasso pandemico è invece un esito possibilmente peggiorativo di quello scenario contro il quale, ovviamente, occorre dispiegare ogni energia di opposizione.

BCE e certo ‘sovranismo’: i disvelamenti del PEPP

Marattin, Babbo Natale e le condizionalità di Recovery e MES

MES no, MES sì

Collasso finanziario da coronavirus: è l’Unione Europea!

Coronavirus, tra Unione Europea e regionalismo differenziato

Suicidi. Tra emergenza coronavirus, Unione Europea e governi subalterni

Unione Europea: una razionalità strategica geopolitica delle crisi

Fondo Monetario Europeo? “Una calamità immensa”

Pro-euro e no-euro: curiose convergenze sull’«errore dell’euro» e verità inconfessabili

ass.indipendenza.info@gmail.com *** info@rivistaindipendenza.org

Informazioni su associazioneindipendenza

Rivista patriottica e sovranista italiana impegnata in una battaglia di liberazione sociale dall'egemonia euroatlantica rifacendosi ai valori della Resistenza
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...