Tra indennità di malattia e Recovery Fund

“Poiché per il 2021 il legislatore non ha stanziato nuove risorse” niente indennità di malattia, nel 2021, in caso di quarantena per i dipendenti entrati in contatto con un positivo.

Si tratta di un provvedimento retroattivo.

L’isolamento prima equiparato alla malattia se certificato dal proprio medico curante, e quindi pagato dall’Inps, ora non lo è più. Così l’Inps in una nota (la 2842) del 6 agosto cui il governo Draghi per ora mostra di non prestare attenzione. Per alcune categorie di lavoratori (magazzinieri, commessi, cassieri, operai, ecc.), eccetto i cosiddetti lavoratori fragili, si è determinato così, di fatto, un vuoto di tutela.

L’Inps sostiene di aver chiesto più volte ai ministeri dell’Economia e del Lavoro l’emanazione di un decreto che stabilisca ex post la copertura economica, ma senza esito.

Pare proprio, quindi, che questi lavoratori non potranno beneficiare della “pioggia di miliardi” in arrivo dall’Unione Europea. Sì, perché sono arrivati i primi fondi del Recovery: il 13%, ossia 24,9 miliardi.Premessa doverosa: i fondi europei sono non delle regalìe ma in parte prestiti (122,6 miliardi), in parte “a fondo perduto” (68,9 miliardi), tutti condizionati nel senso che le quote sono erogate via via solo dopo il varo delle riforme richieste dalle istituzioni europee e comunque previo avallo sulle destinazioni di spesa.

Il “fondo perduto”, poi, compensa molto malamente la già significativa contribuzione dell’Italia al bilancio comunitario europeo che sarà incrementata in conseguenza dell’uscita della Gran Bretagna dalla UE e degli ulteriori oneri di bilancio conseguenti alla pandemia.

Ebbene, quali le voci di spesa? Il governo parla di 106 progetti di investimento. Di là dell’assunzione a tempo determinato di 500 controllori e di 2.420 funzionari, eccone alcune: incentivi fiscali agli investimenti per le imprese, fondo Simest (rifinanziato) per gli aiuti alle aziende italiane sui mercati stranieri, cantieri dell’Alta Velocità in Liguria e sulla linea Brescia-Venezia, eccetera. Ad un certo punto spunta un Piano asili: 650 milioni…

14 agosto 2021

BCE e certo ‘sovranismo’: i disvelamenti del PEPP

Marattin, Babbo Natale e le condizionalità di Recovery e MES

MES no, MES sì

Collasso finanziario da coronavirus: è l’Unione Europea!

Coronavirus, tra Unione Europea e regionalismo differenziato

Suicidi. Tra emergenza coronavirus, Unione Europea e governi subalterni

Unione Europea: una razionalità strategica geopolitica delle crisi

Fondo Monetario Europeo? “Una calamità immensa”

Pro-euro e no-euro: curiose convergenze sull’«errore dell’euro» e verità inconfessabili

ass.indipendenza.info@gmail.com *** info@rivistaindipendenza.org

Informazioni su associazioneindipendenza

Rivista patriottica e sovranista italiana impegnata in una battaglia di liberazione sociale dall'egemonia euroatlantica rifacendosi ai valori della Resistenza
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...