Il sovranismo, Papa Francesco e Altiero Spinelli

Sul sovranismo è curiosa la convergenza, la sintonia di posizione ‘ideologica’, che il Papa ha inteso esprimere ancora una volta evocando i “Padri Fondatori del sogno europeo”. Non li cita ma, insomma, da Altiero Spinelli in poi (i Monnet, gli Spaack, gli Adenauer, ecc.) la mente corre ad un florilegio di figure politicamente (e spiritualmente) molto poco raccomandabili.
Il tema e lo spazio non consentono adesso di circostanziare al riguardo.
“Il sovranismo porta sempre male e porta alle guerre”, sostiene in modo categorico il Papa in un’intervista su “La Stampa” del 9 agosto. Certi passaggi argomentativi (ad esempio sull’Unione Europea oltre che sul concetto demonizzato di sovranità politica che, se negata, può portare al “sovranismo”, a rivendicazioni cioè di liberazione, di sovranità, di indipendenza) denotano nella migliore delle ipotesi una molto approssimativa (per non dire infondata) conoscenza dei fatti. Sovranismo=guerra è il binomio che s’intreccia infatti in una reiterazione della solita Grande Narrazione sistemica, condivisa da Imperi in essere (ad esempio quello USA) ed aspiranti alter-Imperi (ad esempio quello franco-tedesco/carolingio dell’Unione Europea).
L’avversione per la sovranità nazionale e gli Stati nazionali era espressa infatti pure da Altiero Spinelli che li attaccava ferocemente lavorando politicamente per diversi decenni –soprattutto dentro le istituzioni europee– per disarticolarli. Sarebbe interessante sapere cosa il Papa pensi del pacifista federalista europeo Spinelli che così scriveva il 12 aprile 1953: «Per quanto non si possa dire pubblicamente, il fatto è che l’Europa per nascere ha bisogno di una forte tensione russo-americana, e non della distensione, così come per consolidarsi essa avrà bisogno di una guerra contro l’Unione Sovietica, da saper fare al momento buono» [in “Diario Europeo (1948-1969)”, p. 175].

Questo tema della guerra è da vedere con attenzione. Innanzitutto andrebbe evidenziato un fatto banale, e cioè che la conflittualità e le guerre tra Stati sono dovute non alla loro mera esistenza ma ad interessi economici delle loro classi dominanti. In particolare, il modello capitalistico nelle sue plurali forme di espressione ha, in dati momenti storici, visto regolare i propri conti interni nei termini di una competizione inter-imperialistica che non ha esitato a ricorrere alla guerra, quando l’ha ritenuto opportuno. In grandissima parte le cause delle guerre sono tutte qui, incluse le due guerre mondiali del Novecento che videro Imperi, super-Stati anche continentali, farsi la guerra. È da prestare attenzione proprio a questo pericolo, a questi super-Stati, a queste macro-aggregazioni che sono state sempre responsabili delle più devastanti guerre e potrebbero tornare ad esserlo. E la loro pericolosità, non solo nella contemporaneità, non si affievolisce nemmeno quando si scatenano contro Stati nazionali sovrani colpevoli di perseguire un modello sociale alternativo a quello capitalistico o comunque ritenuti non allineati alle loro posizioni. La limitazione dei conflitti non si consegue con l’eliminazione degli Stati ma con il rifiuto delle macro-aggregazioni più o meno esplicitamente imperiali ed il superamento del capitalismo in senso socialista.

Unione Europea sempre più a trazione franco-tedesca

Barroso, dalla Commissione Europea a Goldman Sachs: i miracoli delle porte girevoli made in UE

UE contro USE e due luoghi comuni euroatlantici

Unione Europea: una razionalità strategica geopolitica delle crisi

Il ‘sovranista’ Paolo Savona e la sua federalista-spinelliana “Politeia per un’Europa diversa, più forte e più equa”

Pro-euro e no-euro: curiose convergenze sull’«errore dell’euro» e verità inconfessabili

Il cosiddetto sovranismo di destra italiano: un’antitesi fattiva

Sovranisti costituzionali italiani… allo stesso tempo spinelliani/europei?

I critici della UE, nostalgici della CEE

Alle origini dell’Unione Europea: Spinelli, federalismo e atlantismo

Trentennio glorioso, prima repubblica e altre magiche creature: per una critica ragionata al bestiario sovranista

ass.indipendenza.info@gmail.com – info@rivistaindipendenza.org

Informazioni su associazioneindipendenza

Rivista patriottica e sovranista italiana impegnata in una battaglia di liberazione sociale dall'egemonia euroatlantica rifacendosi ai valori della Resistenza
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...